NELLA SETTA, un libro da leggere PDF Print E-mail
Written by Ileana Mortari   
Sunday, 07 April 2019 06:37

 

UN LIBRO DA LEGGERE APRILE 2019

“Nella setta” di Piccinni e Gazzanni, Fandango Ed.2018

Si tratta di un'inchiesta sconvolgente sul peggiore male che colpisce 4 milioni di italiani (Gianluigi Nuzzi)

della propria vita, subisce lavaggi del cervello, sfruttamento …

Il guaio? Esiste uno spaventoso VUOTO NORMATIVO; non si discrimina infatti tra l’adesione a un culto e la manipolazione mentale. E allo stesso tempo, a parte qualche volenterosa associazione, non esiste un aiuto psicologico e psichiatrico riservato a chi esce da una setta.

Senza contare che le stesse vittime – per ignoranza e mancanza di informazioni – sono spesso accusate di colpe che non dipendono da loro.

ECCO PERCHE’ CONOSCERE E’ SEMPRE L’ARMA PIU’ INDICATA PER DIFENDERSI.>> (Chiara Mazzotta – sito BookBlister)

MOLTI sostengono che, a scopo preventivo, il libro andrebbe proposto alla lettura degli studenti e dei giovani in generale.

<<Pochissimi giornalisti hanno avuto il coraggio di Flavia e Carmine, che non si sono lasciati intimorire dalle repliche che arrivano da queste organizzazioni settarie”. Così spiega Flavia: “Puntualmente, dopo ogni presentazione e intervento sul libro, ci arrivano richieste di rettifiche o commenti pungenti svolti a screditarci……Ma noi siamo inattaccabili, perché possiamo provare e documentare ogni singola riga contenuta tra queste pagine.”

Carmine Gazzanni ha poi ricordato che il loro lavoro non è stato costruito unicamente raccogliendo testimonianze, ma soprattutto sulla base di documenti pubblici e privati di cui lui e la collega sono entrati in possesso. “A tutti coloro che contattavamo o che ci contattavano, ponevamo la consueta domanda: “Puoi dimostrare quanto stai dichiarando?”………..

Carmine Gazzanni ha ribadito ulteriormente l’intento del libro: “Per questo il nostro obiettivo è sollecitare gli organi parlamentari, al fine di colmare una “vacatio legis” e portare in parlamento una legge che consenta ai magistrati di punire in maniera esemplare questi criminali” >>. (Lorita Tinelli, da sito Cesap, Centro Studi Abusi Psicologici)

Sembra impossibile, ma la stessa dott.ssa Tinelli il 3 marzo 19 ha postato su F.B. e sul suo sito http://www.cesap.net/chi-siamo/attivita-cesap/20-comunicati-stampa/3514-comunicato-stampa-apologisti-basta-con-le-fake-news?fbclid=IwAR0zwnFPYDE6im43kYjPLTdkNLQMDQ2_8t-Cv6dPEqjVsJmNXlBzS8VpE94

un appello che va portato a conoscenza di chi è disinformato. Ne cito alcune frasi:

“Il Centro Studi Abusi Psicologici (CeSAP) e l’ Associazione Familiari Vittime delle Sette (FAVIS), sono costrette a denunciare il clima di criminalizzazione volutamente organizzato ai loro danni dai fautori di una teoria della cospirazione dai connotati grotteschi………

Esponenti di CeSAP e FAVIS hanno subito e tollerato, nel corso degli anni, la diffamazione personale operata da blog e siti "anonimi" finalizzati a difendere l'operato di culti ambigui e discussi che vedevano nel lavoro delle associazioni citate un ostacolo alla loro attività……

Costoro, dopo aver prodotto una mole di articoli denigratori nei confronti delle associazioni cosiddette "anti-sette", hanno lo scopo di creare un immaginario in cui tutte le vicende di cronaca che riguardano abusi fisici e psicologici nell'ambito di gruppi sarebbero false, ovvero opera della micidiale macchina di creazione di "fake news" gestita da queste associazioni…....

Da anni essi perseguono una strategia di attacco a chi difende i cittadini e aiuta le vittime dei gruppi costrittivi, connessa ad una difesa pregiudiziale di qualunque gruppo sia sospettato di abusi.”

Sul libro “Nella setta” si veda anche

http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/unlibroalgiorno/2018/12/28/nella-setta-viaggio-nellincubo_eb756712-6aab-4f23-ae33-eb519b4e1937.html

 

Last Updated on Sunday, 07 April 2019 06:43
 


Powered by Joomla!. Designed by: business hosting virtual private server Valid XHTML and CSS.