Vang.f.giov.Trinità rom.B 27-5-18 PDF Print E-mail
Written by Ileana Mortari   
Wednesday, 30 May 2018 19:29

 

Breve riflessione sul vangelo festivo per giovani

27 maggio 2018 – SS.TRINITA’ – Rito romano B

Matteo 28,16-20

di Ileana Mortari

Oggi celebriamo la festa della SS.Trinità, che costituisce il primo dei grandi misteri della nostra fede: unità e trinità di Dio, il quale è un solo Dio, ma nello stesso tempo è Padre, è Figlio, è Spirito Santo.

E' PADRE - proprio come il padre che tutti noi conosciamo: punto di riferimento certo, persona cui rivolgersi in ogni difficoltà, e del cui amore per noi non possiamo minimamente dubitare; proviamo a ripetere con calma, e pensandoci, il "Padre nostro"

E' FIGLIO - cioè è il Verbo in cui tutto è stato creato; è la Parola di vita, che ha detto di se stesso "Io sono la via, la verità, la vita" (Giov.14,6); è Colui che ci rivela il Padre

E' SPIRITO – quello Spirito che Gesù morendo ha donato agli uomini e che ci fa capire, approfondire e attualizzare tutto quello che ha detto Gesù, il Figlio; ciascuno di noi l'ha ricevuto nei Sacramenti del Battesimo e della Cresima; da allora è nostro Ospite, ma quanto Lo conosciamo?; quanto ne avvertiamo la presenza?

Di fronte a questo straordinario Mistero della Trinità anch'io balbetto, come S.Agostino; e penso quanto sia grande e umanamente impensabile un Dio che ha per così dire "escogitato" tale maniera per raggiungere, dialogare e stare con gli uomini suoi figli: essere loro Padre, farsi leggere nella Scrittura, che usa il nostro stesso linguaggio, donarsi a noi fisicamente nell'Eucarestia ed essere in noi fonte di illuminazioni e intuizioni spirituali. Non so proprio come ringraziarLo!

 

Last Updated on Wednesday, 30 May 2018 19:32
 


Powered by Joomla!. Designed by: business hosting virtual private server Valid XHTML and CSS.