Vang.f.giov.Ascens.rom.B 13-5-18 PDF Print E-mail
Written by Ileana Mortari   
Friday, 11 May 2018 07:14

 

Breve riflessione sul vangelo festivo per giovani

13 maggio 2018 – Ascensione B – Rito romano –

Marco 16,15-20

 

di Gianfranco Ravasi

“Il brano si apre con un solenne messaggio indirizzato agli apostoli: esso ha al centro la loro missione, una missione universale (“a tutto il mondo”, “a ogni creatura”) di annunzio dell’evangelo, cioè della persona e della parola di Cristo. Di fronte al loro ingresso nel mondo e alla loro voce scattano due reazioni e due destini, da un lato la fede battesimale e la salvezza, dall’altro l’incredulità e la condanna……..

Nei due campi della fede e del rifiuto si riassume un po’ tutta la storia di ogni coscienza e dell’intera umanità. Tuttavia – continua Gesù nel suo discorso agli Undici – il messaggio che essi annunzieranno sarà affiancato e sostenuto da segni efficaci che manifesteranno la signoria del Cristo su tutta la creazione. Si elencano cinque tipi di miracoli che indicano il coinvolgimento di tutto l’essere nella salvezza: il male è sconfitto (“scacciare i demoni”); lo Spirito Santo è effuso in una continua Pentecoste su tutti i popoli e su tutte le culture (“parlare le lingue”); i serpenti, simbolo della tentazione, saranno neutralizzati; il veleno, segno di tutto ciò che insidia la vita, sarà debellato; i malati saranno confortati e guariti.

La missione della Chiesa ricalca quella del Cristo che annunziò il Regno di Dio e guarì tutti quelli che erano afflitti dal male: è una missione che non passa solo attraverso la parola, ma anche attraverso le mani, si apre alla fede in Dio e alla carità fraterna, proclama la contemplazione ed impegna nell’azione.”

tratto da G.Ravasi, “Secondo le Scritture” (Doppio commento alle letture della domenica) – Anno B, Piemme, pagg.141-142

 

Last Updated on Friday, 11 May 2018 07:16
 


Powered by Joomla!. Designed by: business hosting virtual private server Valid XHTML and CSS.