Vang.f.giov.6°Pasqua ambr.B 6-5-18 PDF Print E-mail
Written by Ileana Mortari   
Wednesday, 02 May 2018 06:44

 

Breve riflessione sul vangelo festivo per giovani

6 maggio 2018 – 6° domenica di Pasqua B – Rito ambrosiano –

Giov. 15,26-16,4

di Ileana Mortari

Leggiamo nel brano evangelico che Gesù manderà sui suoi discepoli lo “Spirito della verità”. Ma che cos’è la verità? Dove la si trova? È utile e importante per la nostra vita?

Partiamo dalla definizione del termine: verità = qualità di ciò che è vero; vero = effettivo, reale, autentico, genuino, veritiero; insomma ciò che è vero in assoluto o in relazione a determinati fatti.

Notiamo anzitutto che la società secolarizzata (1) postconciliare pare conoscere non una sola verità, ma tante verità, contraddittorie tra di loro, e tuttavia ciascuna con le sue buone ragioni.

Questo è il risultato della ricerca umana, ma c’è un punto che non può essere dimenticato: “la verità sull’uomo, sulla sua vita e sul suo destino non può essere l’uomo a scoprirla, perché non è stato lui a darsi la vita. L’uomo può scoprire, fino a un certo punto, come funziona il mondo e come funziona lui stesso; ma perché ci sia, perché esista lui e il mondo, in vista di quale scopo, questo può cercare solo d’indovinarlo, senza mai poterlo verificare, portarne le prove.” (E. Fermi, Sulle tracce di Dio, Ed. In Dialogo, pag.65)

Nella sua infinita bontà il Creatore stesso è venuto incontro all’uomo, per svelargli la verità della sua vita, del mondo, del creato; gli è venuto incontro nel suo Figlio fattosi uomo che, usando lo stesso linguaggio della creatura, ha dichiarato un giorno: “Io sono la verità”.

L’incontro con Cristo non censura i progetti e i frutti della ricerca umana, ma li discerne, li assume in un quadro più grande, li porta a quella pienezza cui l’uomo anela. Gesù non ci offre verità astratte, ma ci introduce nella vita. Egli è anche “la vita” e la “via” (cfr. Giov.14,6) per raggiungerla.

(1) È quella in cui si afferma l’autonomia dell’uomo e del mondo (= saeculum in latino), assegnando loro competenze che prima venivano ascritte a Dio e vivendo come se Dio non ci fosse, cioè tenendo conto solo delle leggi e delle forze intrinseche alla natura e alla storia.

 

Last Updated on Wednesday, 02 May 2018 06:46
 


Powered by Joomla!. Designed by: business hosting virtual private server Valid XHTML and CSS.