Vang.f.giov.2°d.Epif.ambr.B 14-1-18 PDF Print E-mail
Written by Ileana Mortari   
Wednesday, 10 January 2018 16:46

 

Breve riflessione sul vangelo festivo per giovani

14 gennaio 2018 – 2° Domenica dopo l’Epifania – Anno B –

Rito ambrosiano - Giovanni 2,1-11:

LE NOZZE DI CANA DI GALILEA

di Ileana Mortari

Per affrontare e interpretare correttamente questo celebre racconto biblico, occorre ricordare che il 4° vangelo si distingue dai sinottici anche per il suo accentuato simbolismo: infatti Giovanni, che definisce l’episodio “segno” anziché “miracolo”, vuole condurre il lettore dal livello visibile (fatti concreti e persone) a quello invisibile, spirituale, divino.

Nella fattispecie, da questo episodio si capisce che Gesù non è solo un rabbi (= maestro) come ce n’erano tanti in Israele, ma – dal momento che sposa e sposo non compaiono nella scena - è lui il vero “sposo” che appunto fornisce vino in abbondanza e di ottima qualità.

Il discorso risulta più chiaro se ricordiamo che nel popolo ebraico era assai comune l’immagine del banchetto nuziale come “segno” e prefigurazione del Regno di Dio, vero sposo dell’umanità. Gesù, già riconosciuto come Messia in Giov.1, 41 e 49, ora si rivela come Colui che dà compimento alle promesse e inaugura la fase definitiva del tanto atteso Regno di Dio.

Il vino poi è un simbolo con vari significati: il dono della grazia, la gioia, la pienezza, la realizzazione di sè, il senso della vita, insomma tutto ciò che Cristo ha portato in questo mondo.

E’ stato scritto: “Ognuno ha certamente il suo miracolo di Cana da raccontare”. Cioè: nella vita di ciascuno c’è sempre un momento in cui si scopre che la vita non è “una muraglia che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia” (Montale), o almeno non lo è sempre, ma è piuttosto la gioiosa scoperta di una risposta a una lunga attesa, di un dono prezioso e insperato, di una risoluzione positiva che sembrava impossibile.

 

Last Updated on Wednesday, 10 January 2018 16:49
 


Powered by Joomla!. Designed by: business hosting virtual private server Valid XHTML and CSS.