Della Loggia-Grande impunità italiana Corr.19-9-16
Written by Ileana Mortari   
Sunday, 25 September 2016 11:38

 

 

A UN MESE DAL TERREMOTO IN ITALIA CENTRALE

La grande impunità italiana: l’editoriale di Ernesto Galli della Loggia (Corriere della Sera 19-9-16)

 

 

 

Sulla base dei precedenti non c’è da farsi davvero molte illusioni sulla punizione dei responsabili della sospetta (direi quasi certa) pessima qualità costruttiva di molti degli edifici crollati nel recente terremoto dell’Italia centrale. Infatti, come ha messo bene in evidenza l’inchiesta di Guastella e Pasqualetto pubblicata qualche giorno fa dal Corriere, nei decenni passati — dal Friuli all’Emilia passando per l’Irpinia e il Molise — tutte le numerose azioni giudiziarie conseguenti ai relativi terremoti occorsi in quei luoghi hanno portato a niente altro che ad appena 14 condanne di progettisti, costruttori e responsabili amministrativi, per un totale di pochi mesi effettivi di carcere.È un dato che tuttavia non fa notizia. E si capisce perché: esso rimanda infatti a un fenomeno più generale, anche questo quasi scontato. In Italia, in prigione forse anche i benestanti, i professionisti, le persone più o meno importanti e quelle che appartengono a una certa classe sociale ci fanno qualche volta una capatina: ma quanto a restarci ci restano solo i poveracci. Non ingannino a questo riguardo le dure condanne, che pure ci sono, come quella a 10 anni di prigione inflitta pochi giorni fa ai vertici dell’industria farmaceutica Menarini.

Le condanne in primo e magari anche in secondo grado ci sono, ripeto: peccato che però non corrispondano a nessuna punizione effettiva, cioè non mandino in prigione nessuno.

Novantanove volte su cento, infatti, con il tempo, con gli appelli, i contrappelli e la Cassazione, anche le condanne iniziali vengono poi cancellate. Sicché alla fine solo gli extracomunitari, gli infimi spacciatori, gli emarginati a vario titolo, gli appartenenti alle classi povere, popolano le nostre galere. Nei Paesi che ci piacerebbe emulare non è così. In Germania, non molto tempo fa, il ricco e potente presidente del Bayern Monaco, condannato per evasione fiscale a due anni e poco più di prigione, ne varcò i cancelli nel giro di un paio di giorni. Un altro esempio: negli Usa i responsabili dei fallimenti bancari e assicurativi del 2008 sono da tempo dietro le sbarre con condanne pesantissime che, c’è da giurarci, sconteranno in grandissima parte. Il famoso finanziere Madoff, colpevole di aver ingannato e spogliato centinaia di ricchi e avidi gonzi che gli avevano affidato i loro capitali, si è beccato una condanna all’ergastolo.

Tutte cose in Italia impensabili: anche se nessuno sembra farci caso, nessuno solleva il problema. Meno che meno l’ineffabile Consiglio superiore della magistratura, pur così instancabilmente sollecito delle sorti della giustizia. E dire che proprio i magistrati, invece, sarebbero i più titolati a spiegarci il perché della vasta impunità italiana. A spiegarci, ad esempio, perché in mano ad avvocati abili, che però solo le persone agiate possono permettersi, le procedure assurde e i codici malfatti che ci governano consentono, attraverso tutto un sistema di rinvii, di prescrizioni e ricorsi, di vanificare indagini e sentenze. Chi lo sa meglio di loro? A quel che ricordo, invece, solo il presidente dell’Anm, Pier Camillo Davigo, vi ha in varie circostanze dedicato qualche attenzione.

Eppure — c’è bisogno di dirlo? — questo doppio standard nell’amministrazione della giustizia ha conseguenze vaste e gravissime. La prima conseguenza è la vanificazione di fatto, prima che del senso della legalità nei cittadini, della legalità effettiva in quanto tale. Una legge che non valga per tutti, infatti, non è più una legge: è un provvedimento arbitrario. Rispetto poi a chi dovrebbe obbedire, ai cittadini, è difficile immaginare che una qualunque legge sia davvero rispettata se sulla base dell’esperienza si diffonde la convinzione che a qualcuno è consentito non rispettarla senza essere sanzionato. Da ciò la seconda conseguenza: il discredito dell’intera sfera pubblica, a cominciare dalla magistratura per finire con la politica e con il governo: le loro leggi non valgono nulla dal momento che chi sa e soprattutto chi può le viola senz’alcun danno, e dunque anche quei poteri che le emanano e le amministrano non valgono nulla, non meritano alcun rispetto. Anche perché, siano essi di destra o di sinistra, pur sapendo bene come stanno le cose non muovono un dito per cambiarle.

Il modo d’essere della giustizia è così divenuto la manifestazione forse più importante della placida doppiezza morale che domina la società italiana. La quale quando parla (specie se parla in pubblico) s’inebria dei nobili concetti di solidarietà e di progresso, mostra regolarmente d’ispirarsi ai più alti principi dell’equità e della benevolenza sociale, ma quando invece si muove nella realtà d’ogni giorno, allora si scopre ferocemente classista, assuefatta ai privilegi come poche, spudorata cultrice di una vasta impunità.

Last Updated on Sunday, 25 September 2016 11:44
 
Bellieni Adolescenti e cannabis Avv.20-9-16
Written by Ileana Mortari   
Wednesday, 21 September 2016 10:52

 

RASSEGNA   STAMPA

 

ANALISI / LA SCIENZA È CHIARA SUI GUASTI PRODOTTI DALLO «SPINELLO»

GLI ADOLESCENTI E LA CANNABIS : PERCHE’ LA MENTE NON CI ARRIVA

di Carlo Bellieni                       da AVVENIRE 20 settembre 2016

Gli scienziati sanno anche essere sarcastici; è il caso del titolo dell’importante rivista Lancet Psychiatry di agosto, dove due ricercatori canadesi così sintetizzano nel titolo l’urgenza di inviare segnali sui rischi della cannabis ad un mondo che finge di non sentire: «Cannabis e psicosi: capire i segnali di fumo», dove il termine 'fumo' è volutamente sarcastico per un messaggio tragico: «La cannabis può contribuire allo sviluppo della schizofrenia».

Lo conferma la rivista Acta Psychiatrica Scandinavica di agosto, perché il suddetto 'fumo' da marijuana non è quel ritrovato innocuo di cui parlano irresponsabilmente troppi giornali, ma un insieme di sostanze che trasmettono gli impulsi tra le cellule nervose, alterandoli. Per esempio, riportano gli studiosi, una di queste sostanze, il THC, «è spesso associato ad effetti deleteri come alterazione della coscienza, ansia e sintomi psicotici».

Già questo fa capire i rischi di una liberalizzazione della vendita di cannabis, perché rende implicito e talvolta colpevolmente esplicito il messaggio che la marijuana non fa male, anzi.

Eppure basterebbe - è chiedere troppo?- che i giornalisti si informassero sui motori di ricerca scientifici ufficiali invece di riflettere luoghi comuni. Per smentire i supposti benefici della marijuana, la rivista Drug and Alcohol Dependence di settembre mostra in una ricerca che

Marijuana, la rivista Drug and Alcohol Dependence di settembre mostra in una ricerca che,laddove si legalizza la marijuana, ne aumenta l’uso fra i giovani e, se non bastasse, aumenta anche l’uso di tabacco.

E il Journal of Clinical Psychiatry di agosto spiega che non ci sono le evidenze per consigliare la marijuana 'terapeutica' nelle malattie mentali, mentre il JAMA recentemente spiegava che l’uso terapeutico di cannabinoidi è limitato a poche selezionate malattie con dolore cronico severo e spasticità; ma si badi bene, spiega Biochemical Pharmacology di luglio riportando gli ultimi progressi nel settore, che non è 'lo spinello' che cura, ma un apposito spray con solo alcune molecole derivate dalla cannabis.

Ma, smentiti i 'benefìci', continuiamo a guardare i 'segnali di fumo' mandati dalla letteratura scientifica sulle reali conseguenze della cannabis. Per restare al solo mese di agosto, la rivista Biological Psychiatry riporta la descrizione dei danni da cannabis misurati con la Risonanza Magnetica, perché lo spinello non colpisce 'solo l’umore', ma alterando i rapporti tra le cellule del cervello le rimodella e le altera, in particolare con effetto su tre zone chiamate amigdala, ippocampo e corteccia frontale anteriore: nomi complessi, ma per i neurologi hanno un preciso significato. L’amigdala è il centro delle emozioni, tutte le paure ma anche il senso di sicurezza passano attraverso la sua integrità; ippocampo è il centro della memoria, in diretta connessione con l’amigdala; infine la corteccia prefrontale è il centro da cui passa la nostra empatia e la capacità di socializzare e razionalizzare gli eventi.

La ricerca analizza 31 studi e conclude che le conseguenze dipendono sia dalla dose che dalla precocità dell’età di inizio del consumo. Sempre in agosto, gli fa eco un’altra importante rivista, Current Pharmaceutical Design, che oltre ripetere che «l’uso regolare della cannabis è stato associato a vari problemi di salute quali psicosi, ansia, depressione e alterazioni cognitive», analizzando 103 studi, alcuni fatti con la Tomografia ad Emissione di Positroni, mostra che la cannabis provoca «cambiamenti strutturali e funzionali nel cervello umano».

Lo stesso Current Pharmaceutical Design riporta in un altro studio le alterazioni strutturali della corteccia prefrontale che subiscono gli adolescenti fumatori di cannabis, e la International Review of Neurobiology di agosto conferma questi dati di alterazioni strutturali del cervello sottolineando i rischi del 'fumo' tra gli adolescenti e la rivista tedesca Psychopharmacology spiega come «i cannabinoidi esogeni [le sostanze che si inalano fumando cannabis] alterano la normale maturazione del cervello».

La rivista Pharmacological Research di luglio riporta inoltre un interessante studio fatto sui ratti in cui le suddette lesioni provocate dalla cannabis sull’ipotalamo in età giovanile, restano fino all’età adulta inoltrata e provocano alterazioni del comportamento.

La scienza stessa spiega il perché del fallimento delle strategie di legalizzazione: il cervello dell’adolescente non ha ancora strutturato le zone deputate alla scelta razionale, mentre ha sviluppate più dell’adulto le zone deputate alla ricerca di gratificazioni anche da sostanze chimiche, come spiega Daniel Romer su Prevention Science. Dunque è facilmente influenzabile se ha a disposizione facilmente una sostanza 'gratificatrice' come la marijuana, e non sa resistere come farebbe un adulto usando la ragione, in barba a chi pensa che, liberalizzata la cannabis, il giovane saprebbe moderarsi. Paradosso ulteriore, la marijuana abbiamo visto che va proprio a colpire le zone del cervello che inducono all’approccio razionale ai problemi e alla moderazione delle scelte, peggiorando così le cose.

Certo, non tutti i consumatori di cannabis hanno problemi di salute mentale, così come non tutti i fumatori di tabacco hanno tumore ai polmoni, ma la ricerca scientifica serve proprio a mettere in guardia: se un mio amico fuma un pacchetto di sigarette al giorno e non sta male, non è un buon motivo perché io lo imiti, perché la scienza valuta grandi numeri, mette al riparo dai pericoli.

Insomma, emergono due evidenze: la prima è che i danni da cannabis ci sono e sono documentati, la seconda è che nessuno ne parla, preferendo banalizzare o per pigrizia di ricercare le fonti o, magari, per paura di trovarle.

Il rischio della liberalizzazione è di far passare il messaggio che 'tanto non fa male'.

Eppure le fonti scientifiche a smentire questo 'dogma libertario' sono alla portata di tutti e da tempo la comunità scientifica mette in guardia non con proclami ma con dati e fatti. Già nel 2007 la rivista Lancet titolava uno studio: «Uso della cannabis e rischi di psicosi o problemi mentali: una revisione sistematica della letteratura», e chiudeva lo studio scrivendo: «Concludiamo dicendo che ormai c’è sufficiente evidenza per mettere in guardia i giovani che l’uso di cannabis può aumentare il loro rischio di sviluppare una malattia psicotica nel corso degli anni». Vi sembrano 'segnali di fumo' da ignorare?

 

 

Last Updated on Wednesday, 21 September 2016 10:55
 
AVVISO su SMS e Newsletter 4-9-16
Written by Ileana Mortari   
Friday, 02 September 2016 08:48

 

AVVISO: l’SMS domenicale ora si trova sotto la voce Vangelo festivo ambr. per giovani (clic su banda verde scuro qui in alto)

INFORMAZIONI  GENERALI  SUL  SITO  -- POI  SEGUE  LA  RASSEGNA  STAMPA

Titolare del sito è:

ILEANA MORTARI Via Mincio 20/1 20139 MILANO 02/5696744 328/2582683

Laurea in Lettere Moderne Baccalaureato in Teologia

(Baccalaureato è il primo titolo di studio che si ottiene nel curriculum studiorum delle facoltà teologiche e filosofiche della Chiesa cattolica, equivalente a un diploma universitario)

Sito Internet: www.chiediloallateologa.itall’inizio della settimana escono sul sito i commenti di Ileana del vangelo festivo [romano, ambrosiano e breve (solo ambr.) per giovani] della domenica successiva. Su richiesta, posso inviare il Sussidio per una lettura approfondita della Bibbia (25 lezioni da Genesi all’Apocalisse), nonché il commento breve, la domenica mattina.

E-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

Se ci si iscrive alla mailing list (basta comunicare la propria e-mail all’indirizzo di cui sopra), si riceve periodicamente la newsletter “Alla ricerca della verità” su problemi e tematiche di rilievo del mondo odierno (vedi volantino)

Ci sono miei testi anche su Qumran2:

http://www.qumran2.net/indice.php?autore=3366

4-9-2016

Dopo 20 anni di servizio biblico-teologico, da un anno a questa parte mi è parso più urgente impegnarmi (attraverso una Newsletter periodica) nella linea dell’informazione approfondita, il più possibile corredata da interventi di esperti, riguardo ad argomenti attuali e fondamentali (a 360°), di cui molti in questa era televisiva e telematica parlano spesso e volentieri in modo acritico e superficiale. Il mio servizio di pensionata si rivolge soprattutto a coloro che, presi da lavoro e famiglia, hanno poco tempo per informarsi al di là della TV. Al momento ho oltre 2.000 destinatari, che vorrei aumentare il più possibile, anche con l’aiuto di chi condivide questo mio obiettivo.

ALLA RICERCA DELLA VERITA’ Newsletter periodica (che esce indicativamente da ottobre a giugno) di Ileana Mortari.

Per vedere le Newsletter Precedenti cliccare nella barra verde scuro in alto, mentre sotto Download a sinistra si trovano le ultime uscite.

Sempre in Home 1° pagina escono quasi ogni giorno gli articoli più significativi di una Rassegna stampa, articoli che poi vengono raccolti sotto la voce “Rassegna stampa” (barra verde scuro in alto a destra)

Sotto la voce "Le vostre domande" si trovano quesiti e risposte a questioni biblico-teologico-spirituali.

************************************************

“LA VERITA’ MAI DANNEGGIA

UNA CAUSA CHE E’ GIUSTA” Gandhi

 

Last Updated on Monday, 12 September 2016 18:37
 
« StartPrev1234NextEnd »

Page 1 of 4

I piu' letti


Powered by Joomla!. Designed by: business hosting virtual private server Valid XHTML and CSS.